Fondo di Sostegno per Imprese Turistiche: Opportunità Imperdibile per l'Industria del Turismo

Se sei un imprenditore nel settore turistico, non lasciarti sfuggire questa incredibile opportunità di ottenere sostegno finanziario mirato. Il “Fondo di Sostegno per Imprese Turistiche” è il tuo alleato per trasformare la tua visione imprenditoriale in una realtà di successo. Che tu gestisca un albergo, un agriturismo, un parco tematico o qualsiasi altra struttura turistica, questo fondo è progettato per te.

BENEFICIARI

Potranno accedere all’agevolazione le imprese alberghiere, strutture che svolgono attività agrituristica, strutture ricettive all’aria aperta nonché imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale, stabilimenti balneari, i complessi termali, i porti turistici ed i parchi tematici, inclusi i parchi acquatici e faunistici.

  • Gestione di un’attività ricettiva o di servizio turistico in immobili di terzi o di proprietà.
  • Regolare costituzione e iscrizione al registro delle imprese.
  • Piena capacità giuridica e assenza di liquidazione o fallimento.
  • Presenza di un’organizzazione aziendale stabile sul territorio nazionale.
  • Conformità alle normative edilizie, urbanistiche, lavorative, di sicurezza e ambientali.
  • Adozione di contabilità ordinaria.
  • Valutazione positiva del merito di credito da parte di una banca finanziatrice e delibera di finanziamento.
  • Adozione di un regime di contabilità separata se si opera nel settore agricolo o della pesca.

INTERVENTI AMMISSIBILI

Interventi di incremento dell’efficienza energetica delle strutture

Interventi per la riqualificazione antisismica

Interventi di eliminazione delle barriere architettoniche

Interventi edilizi

  • Manutenzione straordinaria
  • Restauro e risanamento conservativo
  • Ristrutturazione edilizia
  • Fonte normativa: Articolo 3, comma 1, lettere b), c), d) ed e.5) del Decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380 (Testo Unico Edilizia)
  • Riferimento normativo: Link al Testo Unico Edilizia

Realizzazione di piscine termali e acquisizione di attrezzature e apparecchiature per lo svolgimento di attività negli stabilimenti termali

Spese per la digitalizzazione

  • Esempi: impianti wi-fi, siti web ottimizzati per il sistema mobile, programmi e sistemi informatici per la vendita diretta di servizi e pernottamenti, spazi e pubblicità per promuovere e commercializzare servizi e pernottamenti turistici sui siti e piattaforme specializzate, consulenza per la comunicazione e il marketing digitale, strumenti per la promozione di proposte e offerte innovative in tema di inclusione e di ospitalità per persone con disabilità

Acquisto/rinnovo di arredi

Tutti gli interventi devono iniziare al massimo entro tre mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento ed essere conclusi entro il 31 dicembre 2025. Sono ammesse le spese avviate dopo la presentazione della domanda di incentivo.

SPESE AMMISSIBILI

  1. Spese di progettazione (massimo 2% dell’importo totale):

    • Copertura delle spese relative alla progettazione del progetto.
  2. Suolo aziendale e sue sistemazioni (massimo 5% dell’importo totale):

    • Acquisto di terreni per l’espansione o la sistemazione aziendale.
  3. Fabbricati, opere murarie ed assimilati (massimo 50% dell’importo totale):

    • Costruzione o ristrutturazione di edifici aziendali.
  4. Macchinari, impianti ed attrezzature varie:

    • Acquisto di macchinari, impianti e attrezzature necessarie per l’attività aziendale.
  5. Spese per la digitalizzazione (massimo 5% dell’importo totale):

    • Investimenti nella digitalizzazione dell’azienda, come l’acquisto di software, hardware e servizi digitali.

Considerazioni aggiuntive:

  • In caso di un Programma di investimento multisede, i limiti sopra riportati si applicano a ciascuna sede.
  • Le spese ammissibili devono essere comprese tra un minimo di 500.000 euro e un massimo di 10.000.000 di euro.
  • Tutte le spese del Programma di investimento complessivo, inclusi eventuali costi riconosciuti come necessari ma non ammissibili alle agevolazioni per superamento delle percentuali massime o dei limiti, devono essere pagate esclusivamente, integralmente e direttamente attraverso un conto corrente bancario dedicato alla realizzazione del Programma di investimento.

INTENSITA' DEGLI AIUTI

Forme di incentivo:

  • Contributo diretto alla spesa
  • Finanziamento agevolato a valere sul Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FRI)

Contributo diretto:

  • Per le imprese di dimensione micro:
    • Aree del territorio nazionale ammesse alla deroga dell’art. 107, par. 3 (MOLISE, CAMPANIA, PUGLIA, BASILICATA, CALABRIA, SICILIA e SARDEGNA): 30%
    • Aree del territorio nazionale ammesse alla deroga dell’art. 107, par. 3 (PIEMONTE, VAL D’AOSTA, LIGURIA, LOMBARDIA, VENETO, FRIULI VENEZIA GIULIA, EMILIA-ROMAGNA, TOSCANA, UMBRIA, MARCHE, LAZIO, ABRUZZO): 25%
    • Restanti aree del territorio nazionale: 15%
  • Per le imprese di piccola dimensione:
    • Aree del territorio nazionale ammesse alla deroga dell’art. 107, par. 3: 23%
    • Aree del territorio nazionale ammesse alla deroga dell’art. 107, par. 3: 20%
    • Restanti aree del territorio nazionale: 15%
  • Per le imprese di media dimensione:
    • Aree del territorio nazionale ammesse alla deroga dell’art. 107, par. 3: 18%
    • Aree del territorio nazionale ammesse alla deroga dell’art. 107, par. 3: 15%
    • Restanti aree del territorio nazionale: 5%
  • Per le imprese di grande dimensione:
    • Aree del territorio nazionale ammesse alla deroga dell’art. 107, par. 3: 10%
    • Aree del territorio nazionale ammesse alla deroga dell’art. 107, par. 3: 5%

Incremento per interventi a supporto dell’innovazione digitale:

  • Per imprese di micro e piccola dimensione: +5%

Erogazione degli incentivi:

  • Basata sul SAL degli investimenti complessivi già quietanzati, in massimo tre tranche, compresa quella relativa all’erogazione a saldo.

Possibilità di anticipazione del Finanziamento:

  • Nel limite del 20%, previa acquisizione di fideiussione bancaria o polizza fideiussoria.

CARATTERISTICHE DEL FINANZIAMENTO AGEVOLATO

Il Tasso di interesse da applicare al Finanziamento agevolato è pari allo 0,5% annuo.

La durata è compresa tra i 4 e 15 anni, comprensiva di un periodo di preammortamento commisurata alla durata del programma e comunque non superiore a 36 mesi a decorrere dalla stipula del contratto di finanziamento.

Il rimborso avviene secondo un piano di ammortamento a rate semestrali costanti posticipate, scadenti il 30 giugno ed il 31 dicembre di ogni anno.

Al finanziamento agevolato deve essere abbinato un finanziamento bancario a tasso di mercato di pari importo e durata, erogato da una banca finanziatrice che aderisce alla Convenzione del 29 agosto 2022 firmata dal Ministero del Turismo, Associazione Bancaria Italiana e Cassa Depositi e Prestiti.

Elenco_Banche_aderenti_FRI_TURISMO_aggiornato al 2.05.24.pdf

Il Finanziamento agevolato, unitamente al contributo alla spesa e all’eventuale quota di mezzi propri o risorse messe a disposizione dagli operatori economici, non può essere superiore al 100% delle spese ammissibili. 

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

La domanda di contributo può essere presentata a far data dalle h12.00 del 01/07/2024 e non oltre le h 12.00 del 31/07/2024

Le imprese hanno diritto agli incentivi nei limiti delle disponibilità finanziarie su base annuale, secondo l’ordine cronologico di presentazione delle istanze.

Vuoi saperne di più su come richiedere il bando? Compila il modulo e ti contatteremo